AMEN è un’applicazione che cambia la vita e mira ad avvicinare i fedeli ai sacerdoti e religiosi, e a loro volta creano una nuova forma di evangelizzazione per avvicinarsi a Dio attraverso la tecnologia. Il colombiano Ciro Duarte è il fondatore e ha parlato con El Observador.

Di Rubicela Muñiz

Ciro, raccontaci qualcosa di te, del tuo ruolo in questo progetto e di come e dove è emerso.

▶ Sono colombiano, calasancio (dei scolopi) e saveriano. Ingegnere industriale di professione, specializzato in gestione e logistica in Francia, con un Master in Business Administration in Cina. Ho lavorato per alcuni anni nel commercio internazionale fino a quando non ho conosciuto il mondo digitale. Nel corso della mia vita e grazie alla mia famiglia, sono stato molto religioso e ho cercato di aiutare ogni volta che posso.

Ho lavorato con gente di strada, ho fatto un volontariato sociale con i marianisti in Brasile, ero un catechista; In breve, ho avuto esperienze di vita molto belle che mi hanno fatto aggrappare sempre più a Gesù e alla Madre Maria.

Attualmente sono sposata, ho due figlie bellissime e viviamo a Lisbona, in Portogallo. Sono solo un altro laico, impegnato nella mia Chiesa. Vado quotidianamente all’Eucaristia e negli spazi liberi mi dedico ad AMEN, una “app” colombiana al 100%.

Ero testardo nel fare qualcosa e ho iniziato a parlare con i miei amici religiosi consacrati, l’ho combinato con la mia esperienza di vita ed è stato lì che è emerso AMEN.

Che cos’è AMEN e cosa offre?

▶ AMEN, è il primo strumento digitale al mondo a contattare religiosi cattolici diocesani e consacrati. Un luogo d’incontro virtuale con religiosi diocesani e cattolici. Le persone inviano messaggi, se lo desiderano, in forma anonima; è veloce, confidenziale, sicuro e gratuito. AMEN è una “app” perfetta per chiedere consigli, indicazioni, sfogarsi, affidarti, chiarire dubbi, esprimere la tua vocazione religiosa, ecc. Funziona con la geolocalizzazione, il che significa che il messaggio raggiunge la persona della vita consacrata più vicina.

Lo chiamiamo “all in one app”, o un’app all-in-one, perché vogliamo fornire un “opuscolo” in cui tutto è trovato, in cui le persone trovano strumenti di supporto per avvicinarsi a Dio o rimanere aggrappati a Lui .